#attacco_informatico
#sicurezza_informatica
#hacking_etico

Cosa fa un hacker etico?

11/24/2023

Cosa fa un hacker etico? cover image

Gli hacker etici, noti anche come white-hat hacker o penetration tester, sono professionisti della sicurezza informatica che penetrano legalmente ed eticamente nei sistemi informatici, nelle reti, nelle applicazioni e in altre infrastrutture tecnologiche per identificare le vulnerabilità della sicurezza, in modo da risolverle prima che i malintenzionati possano sfruttarle. Il loro obiettivo principale è scoprire i punti deboli che i malintenzionati potrebbero sfruttare e quindi aiutare le organizzazioni a rafforzare le loro difese per prevenire gli attacchi informatici.

Utilizzano tecniche che richiedono una profonda comprensione dei sistemi, della programmazione, delle reti e dei principi di sicurezza.

Presenteremo brevemente alcuni esempi di queste tecniche.

Ingegneria inversa

Il reverse engineering consiste nel decostruire software o sistemi per comprenderne il funzionamento interno. I cappelli bianchi utilizzano il reverse engineering per analizzare il malware, scoprire le vulnerabilità e sviluppare patch per difendersi da potenziali attacchi.

Questo processo li aiuta a comprendere la struttura del codice, gli algoritmi, i protocolli e le funzionalità del sistema da testare. Ciò comporta l'analisi dei binari, il disassemblaggio del codice e l'esame del comportamento del sistema. Esaminando il codice, l'obiettivo è quello di identificare potenziali punti deboli della sicurezza, lacune o funzionalità non documentate che potrebbero essere sfruttate dagli aggressori.

Il reverse engineering richiede competenze tecniche di programmazione, linguaggio assembly, debug e una profonda comprensione dell'architettura del sistema. Gli hacker etici utilizzano vari strumenti e tecniche, come disassemblatori, decompilatori, debugger e strumenti specializzati per l'analisi del software, per agevolare il processo di reverse engineering.

Sviluppo di exploit

Gli hacker etici sviluppano o modificano gli exploit software per sfruttare le vulnerabilità del sistema, conducendo valutazioni approfondite per identificare i punti deboli. Creano exploit su misura, ne testano l'impatto e spesso creano dimostrazioni proof-of-concept per mostrare i potenziali rischi che un attaccante potrebbe sfruttare per violare un sistema. I test rigorosi aiutano a comprendere la gravità delle vulnerabilità, contribuendo allo sviluppo di strategie di mitigazione e di patch per le difese del sistema.

Ingegneria sociale

Questo approccio prevede la manipolazione degli individui per ottenere informazioni sensibili o l'accesso a sistemi sicuri. Gli hacker etici avanzati utilizzano tattiche psicologiche, come il phishing, il pretexting o l'adescamento, per sfruttare le vulnerabilità umane e ottenere un accesso non autorizzato.

L'ingegneria sociale consiste nel manipolare la psicologia umana per ingannare individui o gruppi nell'esecuzione di azioni o nella divulgazione di informazioni riservate che compromettono la sicurezza. Non si basa su vulnerabilità tecniche, ma sfrutta comportamenti e tendenze umane. I cappelli bianchi utilizzano l'ingegneria sociale per testare l'efficacia dei controlli di sicurezza e per educare le persone sui rischi potenziali. Le tecniche includono e-mail di phishing, pretexting (creazione di falsi scenari per estorcere informazioni) e baiting (attirare gli obiettivi con una ricompensa). L'obiettivo è aumentare la consapevolezza, rafforzare le difese e ridurre il fattore umano nelle violazioni della sicurezza.

Fuzzing

Il fuzzing è una tecnica utilizzata per scoprire le vulnerabilità di software, reti o sistemi immettendo quantità massicce di dati casuali o inaspettati per innescare comportamenti inattesi. Questo metodo mira a trovare bug, crash o potenziali punti deboli della sicurezza causati da input non validi o inaspettati.

In un'applicazione web, ad esempio, uno strumento di fuzzing potrebbe inserire varie combinazioni di caratteri, simboli o dati inaspettati in campi di input come moduli di login, barre di ricerca o sezioni di caricamento dati. Se l'applicazione si blocca, si comporta in modo inaspettato o rivela errori, indica una potenziale vulnerabilità.

Analogamente, nei protocolli di rete o nei formati di file, il fuzzing prevede l'invio di pacchetti o file malformati o inaspettati a un sistema per osservarne la risposta. Se il sistema si blocca o si comporta in modo anomalo, suggerisce una vulnerabilità che potrebbe essere sfruttata dagli aggressori.

Gli hacker etici utilizzano strumenti e tecniche di fuzzing per identificare e correggere queste debolezze prima che i malintenzionati possano sfruttarle, migliorando così la sicurezza complessiva di sistemi e applicazioni.

Exploit Zero-Day

Gli hacker etici cercano e talvolta sviluppano exploit per vulnerabilità sconosciute al fornitore o allo sviluppatore del software. Queste vulnerabilità, note come "zero-days", possono essere molto preziose sia per gli attaccanti che per i difensori, poiché la loro correzione richiede un'attenzione immediata.

Test di penetrazione (pen test)

Gli hacker etici simulano attacchi reali per testare la sicurezza di sistemi, reti o applicazioni. Utilizzano vari strumenti e metodologie per valutare l'efficacia delle misure di sicurezza e identificare i punti deboli prima che i malintenzionati li sfruttino.

Analisi della steganografia e della crittografia

Gli hacker etici avanzati approfondiscono la steganografia, che nasconde i dati all'interno di altri file, e la crittografia, analizzando i metodi di crittografia e identificando i punti deboli per garantire canali di comunicazione sicuri.

Attacchi alle reti wireless

Gli hacker etici esplorano le vulnerabilità delle reti wireless, tra cui Wi-Fi, Bluetooth o RFID, per identificare i punti deboli nella crittografia, nei protocolli di autenticazione e nelle impostazioni di configurazione.

Gli hacker etici operano all'interno dei confini legali, ottenendo un'autorizzazione adeguata prima di eseguire qualsiasi valutazione della sicurezza. Il loro lavoro è fondamentale per aiutare le organizzazioni a identificare e risolvere in modo proattivo i punti deboli della sicurezza, riducendo così il rischio di minacce informatiche e proteggendo le informazioni sensibili da accessi non autorizzati o sfruttamento.

Potete imparare molte delle tecniche utilizzate dagli hacker etici nel bootcamp di Cybersecurity di Code Labs Academy.


Career Services background pattern

Servizi per le carriere

Contact Section background image

Rimaniamo in contatto

Code Labs Academy © 2024 Tutti i diritti riservati.